"Viva l'Italia antifascista", parla giornalista del grido alla Scala

Loading...
Codice da incorporare:
di Askanews

Roma, 9 dic. (askanews) - "Dopo la mia dichiarazione pubblica durante il primo atto in prima galleria alla Scala al buio sono stato avvicinato da un personaggio che aveva quel modo di fare che ho intuito immediatamente essere un agente in borghese. Lui ha capito che ero allarmato e mi ha fatto segno di stare tranquillo che non c'era niente di grave. Dopo di che riaccese le luci, iniziato l'intervallo, ha tirato fuori il distintivo e mi ha detto 'sono della Digos e dovrei identificarla'. Io sono... Leggi la news completa